Come fare SEO in Russia con Yandex: 100% per professionisti

Uno dei mercati più interessanti per le sue dimensioni e la sua potenzialità economica è quello della Federazione Russa. Qui è possibile attuare attività di SEO in lingua russa, la lingua locale, che abbraccia anche numerosi altri paesi, prevalentemente appartenenti agli ex Paesi URSS e diverse comunità nel mondo. Il principale motore di ricerca russo è Yandex e fare attività di ottimizzazione e posizionamento per questo motore è diverso che farlo su Google.ru. Yandex è una nota azienda di ICT russa fondata da Arkady Volozh, da Arkady Borkovsky Ilya Valentinovich Segalovich. Il motore di ricerca è stato lanciato nel 1997.

I due motori hanno storie diverse, Yandex necessita di attività SEO che sono collegate alla lingua e alla cultura russa. Attualmente (2019) Yandex detiene un search market share di circa il 60%, rispetto a meno del 40% di Google. Ecco perchè l’attività SEO in Russia, o anche in paesi russofoni, devono partire con un occhio privilegiato al principale motore di ricerca russo per eccellenza, la porta della Federazione Russa. Inoltre bisogna considerare che gli utenti che utilizzano Yandex, non solo la stessa tipologia che utilizza Google.ru .

Yandex-servizi

 

Il motore di ricerca russo non è solo leader nella search o nell’advertising con il programma Yandex Direct o con YAN Yandex Advertising Network – circuito di pubblicità contestuale – , ma è il principale player locale in molti ambiti con diversi servizi e applicazioni proprie: l’applicazione Yandex Taxi, il traduttore online multilingua, Yandex Market noto marketplace per il commercio elettronico, Yandex Dengi che è un servizio ewallet e di traferimento di denaro online, Yandex Maps, il servizio email Yandex.Mail, Yandex Disk, l’aggregatore di notizie Yandex.Novisti,ecc. Dove aver compreso che Yandex non è solamente un motore di ricerca, ma anche un’importante azienda ICT. Tra gli altri, è importante tenere presente i servizi rilasciati dalla stessa azienda nell’abito dell’innovazione: Yandex.Drive il servizio di car sharing, Alice (Alisa in russo) l’assistente vocale virtuale con Yandex.Station, l’altoparlante intelligente, le automobili a guida autonoma, o ppure i robot per la consegna a domicilio di cibo o per servizi di ecommerce.

 

SEO su Yandex in Russia
                                      10 passi per fare SEO in Russia con Yandex: tutto quello che bisogna sapere

 

Oggi, e non come ieri, non è più possibile ignorare le azioni SEO su Google in Russia, sebbene questo vada trattato in modo diverso per via dei diversi algoritmi e filtri che hanno meccanismi diversi, oltre che vengono impiegati da due tipologie di pubblico diverso e con diverse aspettative.

 

 

Search engine market share in Russia
Motori di ricerca in Russia: Yandex è il motore di ricerca più utilizzato dai russi

 

La lingua russa non è solo Russia: Runet

La lingua russa è parlata da 160 milioni di persone, in modo nativo, nella Federazione Russa. Mentre nel mondo la lingua russa è parlata da 285 milioni di persone. Ciò significa che con un sito internet ottimizzato e localizzato per i russofoni possiamo accedere ad un pubblico molto più vasto, in tutto il mondo. La Federazione Russa conta 118.0 milioni di utenti della rete a gennaio 2020 e la penetrazione di internet è dell’81% nello stesso periodo di tempo secondo il report di Hootsuite e We Are Social.

Con il termine RUNET si intende tutta la rete web dove si parla la lingua russa, dentro e fuori la Federazione Russa. Milioni di utenti che parlano russo si trovano in molte nazioni ex sovietiche, nell’Europa dell’Est, in Israele o negli Stati Uniti. Grazie ad attività mirate di digital marketing possiamo in ogni caso oggi raggiungere utenti che parlano russo in qualsiasi parte del mondo, data la grande mobilità per business o per svago e l’ampio utilizzo di device mobili. Secondo il rapporto T-Index 2017 di Translated la lingua russa è fra le principali per potere d’acquisto online a livello internazionale. Il sito internet deve essere obbligatoriamente tradotto (e localizzato) in lingla russa poichè i russi hanno un basso livello di conoscenza della lingua inglese, tra i più bassi in Europa, secondo i dati 2019 di SurveyLang project della Commissione Europea.

 

I motori di ricerca in Russia e il market share:

La principale differenza fra Yandex e Google è che il principale motore di ricerca in Russia è Yandex con il 56,8% di market share e Google con il 39,7  di market share secondo i dati di Yandex.Radar del gennaio 2019. Sebbene anni fa era possibile trascurare Google, a via della grande fetta di mercato del main player russo, negli ultimi tempi non è possibile poiché Google continua ad incalzare Yandex, acquisendo sempre maggiore peso nella ricerca.

I principali motori di ricerca in Russia: il mercato dominato da Yandex

SEO in Russia: lo share dei principali motori di ricerca nel corso degli anni

 

Fondamentali per avviare un progetto SEO per la Russia:

  • Utilizzare il dominio .ru e possibilmente acquistare l’hosting nella Federazione Russa
  • Creare contenuti localizzati, e non solo tradotti, per la cultura e la lingua locale. Anche le immagini, le icone, il design del sito dovrebbe essere realizzati da un designer locale o che conosce la cultura di riferimento
  • Utilizzare la codifica utf-8 per mostrare correttamente i testi nei browser degli utenti
  • La struttura del sito ed ogni sua parte deve essere strutturata per l’esperienza di navigazione di utenti o buying personas russe o russofone (il mercato della Federazione Russa è composto da moltissime regioni con culture e tradizioni diverse, considerando anche i paesi ex sovietici russofoni o le tante persone che parlano la lingua russa nel mondo)
  • Creare dei sistemi di contatto e indirizzi che effettivamente possano mettere in contatto l’utente con l’azienda. Numero di telefono, indirizzo postale e altre indicazioni sono indicatori commerciali fondamentali per far comprendere a Yandex il vostro tipo di attività e la vostra localizzazione.

 

Quali sono le principali differenze fra Yandex e Google:

SEO in Russia: le differenze fra Yandex e Google

Fra i principali fattori di ranking in Yandex: la regionalità delle query e del sito, l’età del dominio, la user experience nelle pagine web, i backlink e l’ottimizzazione on-page.

 

I principali fattori di ranking di Yandex:

Per posizionare un sito tra i primi posti di Yandex è importante conoscere i principali fattori di posizionamento, quelli più importanti, tipici del motore di ricerca russo, e predominanti rispetto a quelli del concorrente Google.

 

Regionalità: Yandex pone molta più attenzione rispetto a Google nella geolocalizzazione delle query e dell’utente. Le query di Yandex sono divise in geodipendenti e geoindipendenti. Per esempio, per quanto riguarda le query di ricerca geodipendenti, solo siti internet che corrispondono a questo criterio verrano mostrati in SERP, per una ricerca di carattere locale. Utenti che ricerca su Yandex con ricerche geodipendenti vedranno quindi risultati completamenti diversi. Per indicare a Yandex la zona geografica d’appartenenza della nostra attività online è necessario definire ciò nel pannello di Yandex Webmaster. Inotre, per quanto riguarda le attività locali, vanno segnalate nell’apposita Directory che è molto simile a Google My Business.

Fattori regionali di Yandex per la SEO

 

Molto importante in questo processo è mostrare sul sito l’indirizzo completo della tua attività: il nome dell’azienda, via e numero civico, cap, città, nazione, il numero di telefono con prefisso nazionale, il numero di partita iva.  Se la tua attività ha più sedi, puoi tranquillamente pubblicare tutti gli indirizzi completi di riferimento.

 

Comportamento dell’utente: Mentre i seo di tutto il mondo discutono del ruolo più o meno determinate del comportamento dell’utente come segnale di ranking diretto o indiretto in Google, per quanto concerne Yandex prove certe di manipolazione della SERP hanno evidenziato un chiaro causa-effetto fra comportamento dell’utente e significativi aumenti di ranking nel principale motore russo. L’engagement per Yandex è un fattore molto più importante dei backlink verso un sito. Un sito con alto tasso di engagament è strutturato per incoraggiare gli utenti a rimanervi a lungo.

In generale è sempre consigliabile la realizzazione di contenuto ad alto valore per l’utente, che risolva problemi e informi l’utente in modo unico in modo da offrire un’ottima esperienza all’utente. Il principale motore di ricerca russo offre un altro tool gratuito dalle grandi potenzialità: Yandex Metrica. Il servizio, oltre a fornire un ottimo servizio di web analytics, offre diversi strumenti utili per analizzare la user experience, permettendo di monitorare le singole sessioni degli utenti sulle singole pagine, quindi analizzandone i movimenti con replay, heatmap, analisi dei moduli informazioni, ecc.

Sono fortemente penalizzate da Yandex tutte le pratiche blackhat che tentino di simulare un finto engagement sul sito con software e plugin che emulano il comportamento dell’utente sul sito, malware o virus che mettono in pericolo il visitatore, redirect verso siti terze parti che portano l’utente a scaricare qualcosa in modo non voluto. Anche annunci o popup aggressivi sono fortemente combattuti da Yandex, con un algoritmo specifico degli anni 2012-2014 che combatte finestre fastidiose che interferiscono con la user experience e con l’accessibilità dei contenuti.

Tra le altre cose è bene monitorare costantemente: le fonti del traffico, le query di ricerca, come le pagine strategiche sul sito e le azioni compiute dagli utenti.

 

Contenuti per Yandex: Yandex ha da sempre condotto una grande lotta al contrasto dello spam, in modo molto più forte di Google. In particolare, i principali algoritmi e filtri contrastano contenuti duplicati, contenuti sovraottimizzati, o contenuto con spam. Nella search engine optimization per Yandex è bene sapere che esistono alcuni storici algoritmi contro lo spam. Il più noto è il filtro AGS, che può essere comparato in qualche modo a Google Panda. L’algoritmo è stato lanciato per contrastare contenuti di bassa qualità e contenuto duplicato. In passato l’algoritmo puniva i siti con contenuto povero, mettendoli fuori dall’indice del motore di ricerca. Dal 2014 ha cominciato a rendere nullo TIC (Thematic Index of Citation (un sorta di PageRank di Google oggi divenuto IKS). In generale i contenuti di Yandex hanno una quantità minore di parole rispetto a quelli di Google. E’ importante strutturare dei siti con link interni che portino l’utente verso un percorso utile, informativo e con un buona UX. E’ una buona pratica linkare siti esterni autorevoli e utili per l’utente, come rendere la letture semplice e includere informazioni visive come immagini, infografiche, video, ecc.

 

Età del sito: Tra gli aspetti più importanti per posizionare un sito su Yandex vi è l’età del sito. L’età e la reputazione del sito sono la garanzia di affidabilità del sito nel corso degli anni. A tal proposito i nuovi siti vengono trattati con una sorta di sandbox, che nel limità le potenzialità in fase iniziale del dominio. Utilizzare un sito con una buona reputazione e con alcuni anni di età può essere una buona opzione per raggiungere posizionamenti senza limiti iniziali.

Fattori commerciali: Nel panorama SEO russo si tengono da molti anni in considerazione i fattori commerciali che influiscono nel posizionamento di un sito su Yandex.  Questi fattori, come dice il termine, sono relativi alle attività commerciali e sono noti dal 2011. Furono in un primo momento utilizzati nella Regione di Mosca, per poi ampliarli a tutto il territorio della Federazione Russa. I primi 5 fattori presi in considerazione dal gigante russo sono:

 

  • la credibilità dell’azienda
  • l’intefaccia
  • la disponibilità dei prodotti
  • i prezzi
  • sistemi di pagamento e la consegna

ampliarli a tuttoSuccessivamente nel 2013 è stato pubblicato un documento chiamato “Quality-biased Ranking for Queries with Commercial Intent”  dove gli ingegneri di Yandex descrivevano il meccanismo dei fattori commerciali nel ranking dei siti.

 

Sono 4 gli indicatori di qualità di una pagina: (dove l’affidabilità e qualità del servizio valgono il doppio)

Affidabilità, Usabilità, Qualità del design e Qualità del servizio

Quello che è certo è che operare nel mercato russo e con Yandex significa proporre un business con una grande esperienza. Per fare questo è necessario inoltre porre attenzione ai seguenti elementi: Informazioni di contatto dettagliate, le pagine dell’azienda nei principali social network,  informazioni dettagliate dei prodotti, il servizio di spedizione e di consegna, un supporto clienti ben visibile ed efficiente, prezzi e una chiara politica di restituzione delle merci.

 

Meta dati: Molto importante è anche l’ottimizzazione dei meta tags per Yandex. E’ noto che questi hanno un forte impatto sul comportamento dell’utente. Per questo è importante ottimizzare i tag Title, description e keywords con contenuti che rispecchino il contenuto della pagina e invoglino l’utente a cliccare sul risultato nella SERP. Per quanto riguarda la lunghezza del tag title per Yandex, questo tende ad essere composto di più caratteri rispetto a quella di Google. E’ buona norma limitare il numero di caratteri a 60 in modo tale che si adatti bene per entrambi i motori di ricerca. Altrettanto importante è il tag ‘description’ che in poche parole può aiutare a comprendere il contenuto della pagina all’utente e spingerlo a visitarla. Questo tag deve essere composto efficacemente per il vostro target e non dovrebbe superare i 160 caratteri. Inoltre il motore di ricerca russo tiene in considerazione il tag ‘keywords’ che dovrebbe essere composto di poche frasi chiave, attinenti al tema principale della pagina.

L’efficacia dei meta dati deve essere monitorato tramite il bouce rate, come nel tasso di engagement nella pagina del sito e nelle pagine di destinazione con appositi strumenti di web analisi.

Sia le URL scritte in cirillico che in caratteri latini sono comprese perfettamente da Yandex. Le urls possono essere translitterate nei caratteri latini. In presenza di più contenuti simili è importante segnalare la pagina web principale con il tag “rel=canonical”.  Questo comando può essere ignorato da Yandex qualora la pagina web non dovesse essere raggiungibile, se la pagina dovesse reindirizzare ad un altro dominio, oppure sono presenti più tag per pagina.

 

Backlink

I link in entrata vengono considerati in modo diverso da Yandex rispetto a Google. Infatti il motore di ricerca russo, grazie ad appositi algoritmi e l’analisi del comportamento dell’utente è in grado di comprendere l’importanza del singolo backlink da molti segnali. Anche in presenza di un link in entrata da un sito molto autorevole, il collegamento avrà un valore solo se porta traffico e se è guadagnato naturalmente. Yandex da sempre combatte duramente la manipolazione delle SERP, in modo molto più duro rispetto al concorrente americano. Un sito può essere penalizzato nei ranking da uno o più mesi per via dell’algoritmo Minusinsk.

 

Siti mobile friendy

Già dal 2015 Yandex segnalava nei risultati di ricerca i siti adatti alla visione su device mobili. In quell’anno solo il 18% dei siti presenti nelle SERP erano mobile friendy. Con il lancio dell’apposito algoritmo Vladivostok nel 2016 venivano premiati tutti i domini correttamente visualizzabili da smartphone e da dispositivi mobili. La compatibilità delle pagine di un sito per i device mobili è possibile verificarla attraverso l’apposito test nel pannello di Yandex.Webmaster.

Controllo dei siti mobile friendy

Sempre nel 2016 la stessa azienda russa lancia Turbo pages, delle pagine a caricamento veloce simili a quelle di Google (AMP).  I siti che utilizzano questa nuova tecnologia vengono mostrati nelle SERP con un simbolo di un razzo. Le Turbo Pages di Yandex consentono di visualizzare immediatamente i contenuti di una pagina web, senza aspettare diversi secondi. Questo nuovo sistema consente di visualizzare le pagine con una velocità di 15 volte maggiore con una connessione 3G. Tra i punti di forza di questa tipolgia di pagine vi è la riduzione del bouce rate del 30%, le pagine sono situate sui server di Yandex e, se il sito è offline le pagine sarebbero comunque consultabili.

 

 

 

Principali caratteristiche di Yandex:

  • L’algoritmo fondante di Yandex si chiama MatrixNet e l’indicatore TIC (Thematic Citation Index), valuta l’autorevolezza e la credibilità di un dominio a seconda della quantità e della qualità dei link in entrata. Successivamente quest’ultimo è divenuto IKS, incentrato sulla qualità. Vedere sotto
  • Una principale differenza di Yandex rispetto a Google riguarda la localizzazione e regionalità delle query. A seconda della localizzazione della query, dei dati locali associati all’azienda e al sito, molti risultati presenti nelle SERP appaiono in alcune condizioni, mentre in altre sono completamente assenti.
  • Yandex in molti casi risulta comprendere al meglio la lingua russa. Yandex infatti nasce basandosi esclivamente sulla lingua russa, creato da sviluppatori e ingegneri madrelingua.
  • Yandex è tendenzialemente ulilizzato da persone ordinarie, che rappresentano la maggior parte dell’audience del motore russo. Yandex è molto focalizzato sull’aspetto locale e quindi con grande attenzione alle Regioni che compongono la Federazione Russa.  Google invece è usato prevalentemente da un pubblico giovane e da professionisti legati al mondo dell’informatica. Molti di questi affermano che Google.ru restituirebbe risultati più pertinenti nel settore IT. Google in Russia è indirizzato maggiormente verso le grandi città: Mosca o San Pietroburgo.
  • Yandex è profondamente legato alla cultura russa online e oltre ad essere la principale porta d’accesso a Runet (l’internet russo e russofono) dispone di numerosi servizi e applicazioni che vengono utilizzati da milioni di russi ogni giorno come ad esempio: Yandex Taxi, Yandex News, Yandex Dengi per il trasferimento di moneta elettronica, ecc.

 

Un esempio dei risultati di ricerca di Yandex per il settore fashion e luxury: Brunello Cucinelli.
Un esempio dei risultati di ricerca di Yandex per il settore fashion e luxury: Brunello Cucinelli.

Aspetti tecnici di Yandex:

 

Crawling e indicizzazione: Nell’ottimizzazione di un sito internet per i motori di ricerca in lingua russa mentre Google può impiegare pochi minuti nella fase di crawling e indicizzazione delle pagine web di un sito, al contrario Yandex può impigare anche diversi giorni o settimane nelle stesse operazioni. In generale è possibile notare le SERP aggiornate in Yandex in un tempo molto superiore rispetto a quello di Google. Uno strumento indispensabile per controllare la corretta indicizzazione e i vari aspetti tecnici legati è Yandex Webmaster.

 

 

L’algoritmo centrale di Yandex: MatrixNet

Il primo e più importante algoritmo del motore di ricerca russo Yandex si chiama MatrixNet e si basa sul machine learning ed in modo particolare costruito ad hoc per evitare il fenomeno di overfitting. Un sistema di machine learning potrebbe facilmente trovare correlazioni inesistenti fra pagine web, fattori e query di ricerca. MatrixNet in questo senso consente al motore di ricerca di prendere in considerazione molti fattori per i risultati più pertinenti. Al contempo MatrixNet impedisce al sistema di trovare dipendenze fra i risultati che non esistono.

 

Da indicatore di popolarità a indicatore di qualità: TIC e IKS

Il Thematic Citation Index è il principale indicatore di Yandex (TIC – Thematic Citation Index – Тематический индекс цитирования) che può essere, per certi aspetti, paragonato a Page Rank di Google. Tuttavia, questo sistema ha anche molte differenze rispetto a quello del motore di ricerca di MountanView. TIC calcola la quantità e la qualità dei link in entrata verso un determinato documento. La qualità dei backlink viene calcolata da Yandex parallelamente alla qualità dei link. Il TIC è misurabile grazie alla Yandex bar, a differenza del motore concorrente americano e il valore del TIC è uguale per ogni pagina del dominio e viene tuttora aggiornato. Nella lotta alla manipolazione delle SERP, Yandex negli ultimi anni ha portato avanti una politica che penalizza il sito che acquista link e non chi lo riceve. Il TIC di Yandex valuta l’attinenza e la similarità di contenuto dalla pagina dalla quale arriva il link e il documento linkato. Il rapporto fra link in entrata e in uscita dai domini interessati è determinato dai vari punteggi assegnati ad ogni fonte più o meno ritenuta autorevole. TIC viene sostituito da Yandex nell’agosto 2018 con IKS o ИКС (SQI in inglese) , il nuovo indicatore che però si basa sulla qualità del sito. IKS, anzichè indicare la quantità di link che puntano verso una risorsa, mostra i dati e il business che questo sito in generale rappresenta nel web. I dati del nuovo indicatore provengono dalla ricerca di Yandex e dalle sue numerose applicazioni e servizi online.

 

Gli algoritmi di Yandex

Algoritmi AI
MatrixNet Palekh Korolyov
Vega
Link building Nepot Ranking without backlinks
Aspetti locali
Arzamas and Konakovo Obninsk
Contenuto qualità
8 SP1 Magadan Nakhodka
AGS filter Krasnodar Reykjavik e Kaliningrad
“You Are Spammy” Fake and annoying pop-ups Anti SERP manipulation

 

Gli algoritmi basati sull’intelligenza artificiale

Il primo e il più importante meccanismo di ranking è MatrixNet che è finora l’algoritmo centrale, basata su migliaia di variabili in una formula segreta, che può comprendere diversi tipi di query di ricerca, secondo il loro tipo di intenzione, di ambito o settore, in modo che gli utenti possano ottenere i risultati più rilevanti. Nel 2016 Palekh è stato lanciato, e grazie ad ad funzionamento simile alle reti neurali , al fine di restituire i migliori risultati del motore di ricerca tra cui termini che non sono necessariamente inclusi nelle pagine. Più tardi Korolyov è stato lanciato al fine di accelerare l’indicizzazione del motore e la comprensione di nuove query di ricerca. Korolyov può essere in qualche modo paragonato a Google RankBrain. Korolyov aiuta Yandex a comprendere meglio le richieste degli utenti, al fine di abbinare la pagina più pertinente alla giusta richiesta. A fine 2019 viene introdotto l’algoritmo Vega, che migliora notevolmente la qualità delle risposte alle query degli utenti.

Gli algoritmi dedicati ai link

La lotta allo spam e alla manipolazione delle dei risultati di ricerca è sempre stata importante per Yandex. Il motore russo ha lanciato per la prima volta un filtro chiamato Nepot (da nepotismo) contro lo scambio di link. Viene penalizzato il sito che riceve troppi baclink in un breve periodo di tempo che non sono considerati naturali. Nel 2015 Sadovsky, a capo della ricerca di Yandex, annuncia l’introduzione di un algoritmo che non prende in considerazione i link come fattore di ranking. Si è trattato di un test che ha interessato solo alcuni settori commerciali particolarmente competitivi nella sola zona di Mosca. Nasce così Minusinsk, un algoritmo teso a contrastare tecniche di link contenenti spam, schemi di link che intendendono manipolare le serp e in generale backlink non considerati naturali.

 

 

 

L’intento dell’utente al centro: non solo parole, testi o tecnicismi

Senza dubbio per avviare attività volte a creare traffico e trovare nuovi clienti in Russia o che parlino la lingua russa è necessario che l’azienda o l’agenzia che voglia tali servizi SEO sia affiancata da un consulente che conosca a fondo la lingua e la cultura russa.

Per un corretto approccio iniziale al mercato russo online è necessario effettuare un audit preliminare ed esaminare un’analisi approfondita del mercato online che è costituita da i due principali motori di ricerca, e di minori come ad esempio Mail.ru e una fitta rete di siti tematici locali e social network locali. In fase iniziale è importante determinare a quali domande dell’utente e di mercato il nostro sito risponde.

Ecco che progettare la localizzazione per il mercato russo non è solo questione tecnica relativa alla search engine optimization per Yandex, ma anche comunicare visivamente con le immagini giuste, video e multimedia tarati per il pubblico di riferimento, testi composti ad hoc e con il tono giusto a seconda del tipo di persona circostanza. Le query di ricerca del mercato russo online possono essere analizzate tramite il principale strumento per parole chiave di Yandex Wordstat (é necessaria la registrazione per utilizzarlo), quello di Google e altri tools. La ricerca di query e frasi di ricerca nel mercato russo necessita una conoscenza avanzata della lingua e della cultura russa.  Eventuali traduzioni automatiche o servizi di traduzione di basso livello portano a fraintendimenti con l’utente finale o non trasmettono il vero senso della vostra attività. Ne consegue che per approcciare il mercato russo vi debba essere uno staff adatto a parlare e rispondere a del feedback in lingua russa.

 

La link building: cosa bisogna sapere 

Al fine di avviare una corretta attività di building linking è bene sapere che le basi dei principali motori di ricerca riferiti al mercato locale. Per quanto riguarda Yandex, come Google, combatte lo sviluppo di attività di link non naturali, sebbene ci siano delle differenze rispetto al suo competitor. Yandex tende a penalizzare il sito che offre il link acquistato e non chi lo riceve. Algoritmi come Minusinsk e AGS, nel corso degli anni, hanno comunque combattuto la compravendita di link e quindi la creazione di backlink non naturali. Clamorosa è stato a fine 2013 l’annuncio di Alexander Sadovsky, capo della ricerca di Yandex, che annunciava che i backlink sarebbero stati eliminati dalla ricerca di Yandex come segnale di ranking. Solo nel marzo 2014 l’aggiornamento ha avuto effetto per le query di tipo commerciale che includevano i settori: real estate, turismo, elettronica e elettrodomestici. A febbraio 2016 Yandex lancia il filtro Vladivostok, che pone attenzione ai siti che si adattano anche alla visualizzazione da device mobili.  A fine 2016 e inizio 2017 Yandex lancia l’algoritmo intelligente “Korolyov” che comprende query a coda lunga e frasi non frequenti o di difficile comprensione. L’algoritmo Korolyov alimenta il sistema MatrixNet, centrale nel funzionamento del motore di ricerca russo. Korolyov va a completare il precedente Palekh, basato su machine learning e sistemi simili alle reti neurali. 

 

Lascia un commento